Demenza Vascolare

Carissimo  dottore, volevo dirle che mio padre ha una tac molto recente dove evidenzia questo deficit delle funzioni cognitive, la cosiddetta atrofia cerebrale. REFERTO: “l’esame eseguito in condizioni basali evidenzia ipodensità di 8 mm di diametro a ridosso ed a destra del 3° ventricolo esito di pregresso insulto vascolare. Ipodensità lacunare della stessa natura è apprezzabile inoltre in sede sottocorticale fronto-parietale destra. L’ ampiezza degli spazi liquorali compatibile con l’età del paziente. utile valutazione clinica”. Più chiaro di così si muore. Mio padre ha una demenza su base vascolare,  questo lo asserisce anche il medico curante. Ha fatto anche i test che sono importanti per una prima diagnosi di deficit cognitivo  perché ci sono vari tipi di demenze ognuno con la propria gravità e decorso. Potrebbe dare un giudizio su questa tac? Nell’attesa di una gradita risposta porgo distinti saluti.

 

Buongiorno, la  TC di suo padre evidenzia una sofferenza encefalica abbastanza diffusa e rilevante, la valutazione testologica serve esclusivamente a dare una definizione quantitativa della incidenza sulla memoria, l’attenzione, la consentrazione l’intelligenza, in base a questi valori  si possono prescrivere o meno alcuni farmaci specifici per tali deficit. Le demenze vascolari rispetto a quelle Alzheimer hanno l’unico “vantaggio” che tenedo sotto controllo i fattori di rischio (ipertensione, colesterolo, fumo di sigaretta, stress, coagulazione del sangue) il decorso è leggermente più controllabile rispetto appunto a quelle primariamente degenerative, ma comunque progressivo. Mi tenga aggiornato

 

 

Chiedetemi un consiglio:

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    i dati personali verranno trattati nel pieno rispetto dell'anonimato e della privacy in osservanza a quanto stabilito dal D.Lgs 196/2003